Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘genio’

food003
Voi la magiereste una colazione che vi guarda? bhè farebbe un po’ d’impressione a me, ma se fossi un bambino sarei ben contento di iniziare così la giornata. Ricordo che mia madre cercava di decorare il piatto facendo le faccine con le verdure per rendermele più appetibili..e puntualmente io non le mangiavo..le guardavo. Oggi fanno il prosciutto con la faccia dei simpson, il sofficino che ti sorride, la patata a forma di pokemon..insomma cosa si fa per non far mangiare i bambini? E pur vero che i genitori si arrabbiano quando vedono i bambini giocare col cibo, come se ci fosse qualcosa di male…c’è chi ne ha fatto una vera e propria professione. anche l’occhio vuole la sua parte, specialmente riguardo il cibo. Rendere il cibo come arte non è cosa facile ma poi chi ha il coraggio di magiare certe cose? io me le conserverei..
se i panini delle feste fossero stati così...

se i panini delle feste fossero stati così...

di certo fa un po’ schifo mangiarsi un topo fatto di zucchine…. e senso un anguria a forma di faccia…

se mia madre sbucciasse così la frutta mi mangio pure i cachi

se mia madre sbucciasse così la frutta mi mangio pure i cachi

 Giocare col cibo è molto divertente, e molti artisti si sono proposti in vere e proprie sculture e installazioni col cibo…le vecchie sculture di ghiaccio di cigni sono superate. Si va dai presidenti scolpiti sul formaggio, al burro a forma di maiale, alla megascultura di zigulì, al colosseo di pane e pasta e perfino al gesù cristo al cioccolato…proprio tutto!

sculture di cibo assurde

sculture di cibo assurde

Diciamo che i maestri del cibo inteso come arte sono i Giapponesi. Già di per sè vedere un bel piatto di sushi e le loro creazioni fantasiose è un bel vedere. Poi pensando alla cura e al tempo impiegato, possiamo annoverare i nipponici veri maestri del cibo visivo, ma anche della fantasia..basta ammirare questi esempi: sushi hello kitty, sushi Pacman, star wars, o sushi windows…geniali! C’è pure Coccolinooooo!

master of sushi

master of sushi

Ammirare queste opere potrebbe far venir fame o suscitare un sorriso, specie quando: un Genio si inventa i croccantini per il cane a forma di cacca, una zucca si farcisce come un’ hamburger o vedo un’altra mitica torta e cake topper assurdi…..o facce di clown sul prosciutto,noooooooooo!

splat-varius-cibo

C’è chi da vero artista dipinge con il cioccolato o i fagioli neri, come nel caso di Vik Muniz, che ha creato tanti ritratti di gente famosa col solo cibo: Che guevara fatto coi fagioli neri, freud col cioccolato e il Papa di pizza (non suo).

cioccolato e fagioli

cioccolato e fagioli

 Bhè ci sarebbe molto altro ancora, ma così il mio blog rischia di diventare un’unica grande immagine..quindi per chi ancora volesse approfoodndire e riempire a sazietà gli occhi, vi lascio a FOOD SCULPTURE, il sito di Jim Victor, altro famoso artista del cibo! Inoltre sotto i link youtube a tre artisti delle salse e dei toast( sul tubo trovate anche gente che dipinge col mascara, i lucidalabbra e sui soldi) .Ora scusate ma mi vado a fare un panino con la faccia di Giovanni Rana!

 

 

 

Annunci

Read Full Post »

Il Viral marketing come dice la parola stessa è una strategia di comunicazione che come un VIRUS, si intrufola e si espande, coinvolgendo a catena centinaia di persone. Quante volte vi è giunta un’email strana di una petizione, o di un gioco/applicazione web da provare perchè divertente? Bhè quello è il viral marketing, un meccanismo pubblicitario basato sull’antico passaparola, che oggi coinvolge la rete e la sfrutta a dovere. Le tecniche si affinano e i pubblicitari si strofinano le mani. Ma tale tipo di strategia oltre a creare lanci pubblicitari di qualsiasi tipo attecchisce benissimo al cinema. Nessun mezzo di comunicazione ne è esente: dal giornale al volantino, alla radio,da internet alla maglietta promo, ogni scusa è buona per far parlare di se. Il cinema moderno oggi sfrutta a piene mani tale tipo di tecniche che sembrano funzionare proprio perchè camuffate ad arte, fanno discutere e interessano e coinvolgono migliaia di persone. Dietro il marketing virale ci stanno i geni, che inventano dei celati modi per vendere il prodotto, ma anche parecchi esperti di comunicazione che in tutto il mondo e in tutte le lingue contribuiscono alla diffusione del Virus. Una delle tecniche predilette è il lancio di:

FALSI BLOG, SITI FANTOCCIO, E-MAIL INTRIGANTI, FINTI TRAILER E TEASER, videogiochi

tutte strategie per incuriosire il cliente finale e coinvolgerlo il più possibile fino al raggiungimento dello scopo:ovvero vendere il prodotto. Diciamo che alcune trovate sguazzano nell’imbroglio bello e buono, tant’è che molti degli utenti coivolti in tali progetti si annichiliscono, si sentono usati e vittime di una geniale presa in giro. Invece alcuni si coinvolgono a tal punto che si sentono fieri una volta smascherato il fine, di essere stati coinvolti nel CONTAGIO o di aver contribuito ad alimentarlo. Diciamo che oggi, molti di noi hanno l’occhio lungo poichè abituati a tali tipi di comunicazione, ma le tecniche diventano così sopraffini che all’amo i pesci abboccano sempre.Gli esempi di Viral Marketing più interessanti sono quelli cinematografici, che montano a tavolino milionarie campagne promozionali suggerendo, facendo passare storie false per vere, lasciando le briciole per portare lo spettatore al cinema.Uno dei Viral cinematografici più riusciti è di sicuro il lancio del film THE BLAIR WITCH PROJECT nel 1999. Ricordate quel film su una strega girato da uno che aveva il parkinsons? bhè è lui! Inizialmente bastò mettere dei piccoli trailer su Internet, YOUTUBE su tutti spacciando quei filmati per veri. Poi quei furboni dei produttori stamparono migliaia di volantini che chiedevano aiuto per trovare quella ragazza scomparsa, e il gioco fu fatto. Tantissimi internauti e non, furono sensibilizzati dalla storia, ci fu un incredibile passaparola (detto buzz marketing) anche oltreoceano, dove finti internauti (in reltà pubblicitari pagati dai produttori) riempivano i forum di domande su questa storia e spargevano, dietro centinaia di nickname falsi, notizie, e-mail anonime, video, curiosità….e tutti puntuali andarono tutti a vedere il film tanto discusso. La strategia aveva attecchito e guerra fu. Gli elementi cardine della tecnica sono:creare suspance, lasciare poche informazioni e tante supposizioni,insinuare e lasciare più tracce possibili ovunque. Ci fu anche il caso nel 2005 del film DANNY THE DOG, per il quale, fu creato un finto sito: salviamodanny.org (oggi non esistepiù) che inscenava una finta petizione per salvare un ragazzo scomparso coinvolto in lotte clandestine a mo di cane randagio. Tantissimi firmarono la petizione e circolarono pure tantissime finte e-mail sul caso, per poi vedersi dopo poco al cinema il “vero” Danny combattere!

cloverfield

cloverfield

Di recente vi sono stati i casi legati al nuovo BATMAN,The dark night, e il nuovo INDIANA JONES che hanno ben combattuto a colpi di viral, ma un altro dei casi più riusciti proviene dritto dritto dal genio creatore della multimilionaria serie tv Lost, j.j.Abrams col film CLOVERFIELD, dove finti teaser, e sopratutto blog e siti falsi hanno spopolato in rete. Addirittura sono stati creati diversi siti fantoccio che parlano d’altro e adirittura una bibita inesistente la SLUSHO! che col film non ci azzecca nulla ma che in qualche modo la si fa collegare ad esso. Leggere la montatura creata per questo film fa capire al meglio fino a dove tale tecnica si spinge. Io stessa in questo momento in fondo sto facendo VIRAL MARKETINg….!

Oltre a segnalare questi due siti viral al cinema e viral pubblicità, che approfondiscono il tema, vi lascio due tracce di probabili viral che stanno infestando la rete:

ALADYGMA: si pensa ad un nuovo film di J:J:Abrams, forse un Cloverfield 2 europeo. info

PROGETTO 10: un blog sospetto nato il mese scorso che domani ci rivelerà sconvolgenti verità? o un film? staremo a vedere…

aladygma

aladygma

 

 

 

blair witch project

blair witch project

Read Full Post »